Valori

I grandi temi sui quali mi inserisco sono:

Libertà

La libertà abbinata alla responsabilità dei singoli individui e delle aziende. Difendere la libertà di ogni cittadino di potersi esprimere e dimostrare le proprie potenzialità scegliendo il proprio futuro grazie all’impegno nella formazione prima e nel lavoro poi.

Battersi per avere delle condizioni quadro che favoriscano la libertà imprenditoriale e tutelino chi si impegna per il proprio successo e nel contempo crea e garantisce posti di lavoro.

Favorire la prosperità economica e sociale ne nostro paese significa anche avere la libertà di spostarsi, di muovere merci e dati in maniera veloce e sicura.

Ricordiamoci che gli scambi con l’estero sono fondamentali per la nostra economia.


Coesione

L’interesse generale e la solidarietà verso chi ha più bisogno sono importanti ma solo creando ricchezza possiamo poi ridistribuirla. Ogni cittadino deve dare il suo contributo alla crescita della nostra società, chi ha davvero bisogno va aiutato e sostenuto ma tenendo presente che gli abusi vanno fermamente condannati.

La coesione va applicata anche al nostro territorio e alle differenti regioni che lo compongono (agglomerati e valli) e ai diversi livelli istituzionali (Cantone e Comuni). Il Comune è il primo livello con cui si interfacciano i suoi cittadini e deve riacquistare l’autonomia che gli consenta di operare senza essere un semplice sportello.


Progresso

Solo l’innovazione ci permetterà di affrontare le sfide del futuro con fiducia. La digitalizzazione e l’intelligenza artificiale saranno sempre più presenti e ci consentiranno di crescere. Ambiti come il lavoro, la sanità, l’ambiente e la mobilità saranno trasformati grazie a queste tecnologie. Un Ticino 4.0 deve essere visto come un’opportunità che potrà garantire una migliore qualità di vita.

 
 

«L’État démocratique doit s’appliquer à servir le plus grand nombre ; procurer l’égalité de tous devant la loi ; faire découler la liberté des citoyens de la liberté publique. Il doit venir en aide à la faiblesse et appeler au premier rang le mérite. L’harmonieux équilibre entre l’intérêt de l’État et les intérêts des individus qui le composent assure l’essor politique, économique, intellectuel et artistique de la cité, en protégeant l’État contre l’égoïsme individuel et l’individu, grâce à la Constitution, contre l’arbitraire de l’État».

(Pericle, 462 – 429 a.C.)